Pensione anticipata a 58 anni e 20 anni di contributi, la misura che lo permette: ecco di cosa si tratta

Pensione anticipata con 58 anni di età e 20 anni di contributi, ecco la misura pensionistica che lo permette, ma non è per tutti…

Anticipare la pensione quando si è disoccupati e si è arrivati ad un’età in cui il mercato del lavoro è chiuso, ci si chiede quale misura pensionistica è possibile, considerando anche l’aspetto contributivo. Analizziamo il quesito di un nostro lettore, rispondendo alla problematica di molti lavoratori che si trovano in questa circostanza: Salve, sono un lettore di WhatsApp ho 60 anni e 20 anni di contributi e sono disoccupato a che età potrò avere la pensione e quando potrei prendere. Grazie

Pensione anticipata con 58 anni di età e 20 anni di contributi

Per i pensionati di lunga durata che hanno aderito ad un fondo pensionistico almeno da 5 anni, hanno la possibilità di accedere alla Rendita Integrativa Temporanea Anticipata (RITA) anticipando l’età pensionistica di 10 anni e con un requisito minimo contributivo di 20 anni. Per maggiori informazioni sulla misura le consiglio di leggere: Rita, i nuovi requisiti, i chiarimenti da COVIP

L’età pensionabile per la pensione di vecchiaia è 67 anni, con dieci anni di anticipo si può arrivare a percepire la rendita integrativa temporanea anticipata come ponte alla pensione di vecchiaia già a 57/58 anni.

Questa misura è restrittiva in quanto prevede l’adesione al Fondo pensione con almeno 5 anni di contributi versati. La domanda dovrà essere inoltrata diversamente al fondo di appartenenza.

Deroghe alla legge Fornero

Per chi non ha i requisiti per accedere alla Rita ci sono le varie deroghe alla Legge Fornero, anche qui ci sono requisiti restrittivi e la platea dei beneficiari è molto ristretta. Abbiamo redatto una guida con tutte le deroghe: Pensionamento con 15 anni di contributi in deroga alla Legge Fornero

Per ultima analisi con 20 anni di contributi e 67 anni di età è possibile accedere alla pensione di vecchiaia. Per questa misura sono validi i contributi a qualsiasi titolo versati o accreditati in favore del lavoratore. Questo significa che si considerano validi i contributi: da lavoro, figurativi, da riscatto, volontari.

HOME